Ogni quanto cambiate il casco ?

Questo argomento contiene 9 risposte, ha 8 partecipanti, ed è stato aggiornato da  MT 2 settimane, 3 giorni fa.

  • Autore
    Articoli
  • #16190

    Stefano.gr
    Partecipante

    Oggi ho acquistato due caschi nuovi, ma un modello abbastanza vecchio, degli X-lite 702 GT. I vecchi 701 avevano circa 10 anni, le imbottiture, soprattutto del mio, erano ormai totalmente sgretolate e la Nolan non fornisce più i ricambi perché troppo vecchi. Sostanzialmente il casco che ho preso non si discosta molto dal precedente e l’ho preso volentieri proprio perché in questi 10 anni mi sono trovato molto bene con il 701. Cambiano un pochino le prese di aerazione e cosa molto gradita, ha la visiera per il sole che nei tardi pomeriggi estivi, fa davvero molto comodo. Ha 5 stelle sul test Sharp, la calzata è confortevole e per quanto mi ricordo del 701 anche abbastanza silenzioso. La chiusura è la classica a doppio anello, un’altra cosa azzeccata è la possibilità di indossare gli occhiali in maniera molto facilitata perché sull’imbottitura è stato fatto un passaggio dedicato proprio alle asticelle degli occhiali, piccoli dettagli ma che rendono pratico l’utilizzo.

    Tornando al titolo della discussione, voi mediamente ogni quanto lo cambiate il casco ?

  • #16191

    Anto
    Moderatore

    In media ogni 6 anni quando l’imbottitura inizia a usurarsi e la cinghietta a sfilacciarsi

  • #16192

    Mastic
    Amministratore del forum

    Io ogni 5. Che è un po’ quello che dicono i costruttori: il casco non ha scadenza, ma ogni 5 cambiatelo.
    Negli anni nei quali facevo 100 km al giorno in scooter l’ho cambiato anche con maggior frequenza. Perché diventa una specie di canestro che ti va largo.
    Con l’uso intenso, in particolare, mi spaventa lo stress termico. Tornavo a casa tutte le sere con temperature sotto zero, poi mettevo il casco in casa.

  • #16193

    lukethebike
    Partecipante

    Io ogni 3 anni.
    Ma per una regola interna e visto l’uso spesso intensivo.

    Comunque massimo dopo 5 anni dal primo utilizzo.

    Gli agenti che inficiano l’usura sono:
    -Per la calotta: le vibrazioni e l’esposizione ai raggi UV oltre che gli altri agenti atmosferici. Per assurdo che possa sembrare i materiali termoplastici resistono un poco più a lungo rispetto alle fibre in genere.
    -Per gli interni: l’usura data dalla prima condensazione dell’umidità che comincia inesorabilmente ad intaccare il polistirolo ed i cuscinetti, falsando l’aderenza corretta alla testa del Pilota.
    -Per il laccetto: le sollecitazioni a laccio chiuso ne provocano un progressivo, anche se lento, decadimento (qualcuno ha già detto sfilacciamento) soprattutto al livello di attacco.

    Ciao

  • #16202

    Dolfy
    Partecipante

    Normalmente ogni 4/5 anni, dipende anche dal kilometraggio. A volte sui 100.000 a volte 80.000 km. L’ultimo a seguito impatto con il suolo! Sono al quarto Shoei Neotec e penso che resterò fedele alla marca, forse ho trovato il prodotto “perfect fit” ovvero fatto apposta per la mia testa.
    Unica pecca….le palanche. Mica li regalano.

    Lamps

    Il Dolfy

  • #16204

    Stefano.gr
    Partecipante

    Mi rendo conto che effettivamente li ho cambiati troppo tardi, ma negli ultimi anni la moto cammina davvero molto poco, quest’anno penso di non aver raggiunto neanche i mille km. Però nelle ultime uscite erano veramente alla frutta, come ha detto Riccardo sembrava di indossare un canestro, adesso indossando il nuovo la differenza è abissale.

  • #16205

    Fuzz
    Partecipante

    Anche io lo cambio ogni 5 anni, se usati spesso gli interni decadono e il rivestimento si segna.
    L’ultimo che è finito sulla mensola dei caschi vecchi, il mese scorso, è un HJC rapha 10,
    sostituito da un HJc rapha 11 spyro…sono stato ad un passo dal perdere un Iron Man 🙂 ma mi è mancato il coraggio.

  • #16206

    giannic
    Partecipante

    mha…dipende dalla qualita’ del casco..idealmente 6 o 7 anni. Usandolo tanto, 365 gg l’anno e spesso con clima umido e bagnato. Mi casca pure ogni tanto dalla sella..diciamo 2 o 3 volte nel suo arco ipotetico di vita.
    Compro caschi cari (Schuberth, Arai, Shoei..) ma misa iniziero’ ad usare cose piu economiche per daily life e tenere uno buono per turismo e/o pista.
    Approposito, cosa ne pensate di Maruschin, MT, Bogotto, LS2 o simili?
    Caschi fino a 200 euro insomma che a quanto pare non sono innovativi piu’di tanto ma vendono tecnologia consolidata a prezzi davvero ottimi.

    • Questa risposta è stata modificata 2 settimane, 4 giorni fa da  giannic.
    • #16209

      MT
      Partecipante

      PER QUANTO RIGUARDA MT L’UNICO DA PRENDERE IN CONSIDERAZIONE SONO IO, MA NON SONO UN CASCO!!!!!
      Facciamo i seri, io ho un Maruschin 999, ormai a fine cariera, casco molto comodo e soprattutto leggero. I test sharp gli danno quattro stelle, come a tutta la gamma con oltre la metà anche a cinque, quindi il casco in se, almeno come marca molto buono. Le pecche iniziano se si guardano le imbottiture, o meglio le rifiniture con la parte che, per capirci, appoggia sulle spalle che da segni di invecchiamento precoci, il cinghino è ancora ok, come le visiere,che però sulle molto scure da problemi di riflessi, ho trovato una fotocromatica e funziona ottimamente con cambio luce rapido e da’ lo stesso grado di luce di giorno come col buio tanto che alcune volte scordo di cambiarlo al rientro
      Il problema è che non essendoci,almeno fino a qualche mese fa, l’importatore i caschi in giro sono vecchi, e per i ricambi è un calvario, ameno che non si vada in siti tedeschi, dove mi hanno detto che è molto diffuso, daltronde il casco maruschin è giapponese ma di proprietà tedesca
      Se tornasse a essere distribuito in italia prubabilmente lo riconsidererei.
      Al momento ho già un secondo casco, hjc fg17 pagato 140 €, in offerta, e qui torniamo a qualita prezzo, fg17 arriva a passare anche i 300€ ma è un problema di colori, la calotta e gli interni sono gli stessi

  • #16208

    Mastic
    Amministratore del forum

    Non ho mai provato un casco delle marche che citi @giannic.
    Quanto al prezzo e alla qualità, purtroppo con i caschi siamo poco in grado di valutare. Vuoi provare un casco su uno o più impatti? Si, ma simulare in laboratorio una caduta non è per nulla facile, troppe variabili.
    Quando ci sono state polemiche sulla qualità di alcuni caschi in commercio, studiai un po’ la cosa insieme a qualche esperto, per scoprire che la dimensione della testa all’interno del casco (o della falsatesta) e la tensione del cinturino cambiano tantissimo il risultato di un test.

    E allora, servono 500 euro, 800, 1000 per avere un buon casco? La risposta che ho avuto da qualcuno che se ne intende è stata che tutti i caschi omologati sono sicuri e passano il test d’omologazione. Poi ci sono caschi di qualità maggiore e caschi di qualità inferiore. Anche dal punto di vista della qualità dei rivestimenti e della cura. Dello studio aerodinamico e sul rumore, gli spifferi, il ricambio d’aria interno, la qualità della visiera e delle prese d’aria.
    Però, però… possiamo valutare una qualità percepita, ma difficilmente possiamo affidarci a qualche laboratorio per capire se ci sono caschi che funzionano meglio o peggio in caso d’impatto. Perché si fa un test unico uguale per tutti, e si vede quali sono quelli che passano e quelli che non passano.

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

Vai alla barra degli strumenti