Women's Cup torna col CIV

Questo argomento contiene 4 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  zio franco 2 giorni, 1 ora fa.

  • Autore
    Articoli
  • #16179

    zio franco
    Partecipante

    Insieme al CIV parte il Campionato Europeo Femminile con le SS300 patrocinato da FMI sull’onda dell’iniziativa di Letizia Marchetti per aver fondato la prima scuola italiana femminile

    Ora poche storie e gasse !

    L’iscrizione per la stagione 2020 avrà un costo di 2.590 euro che comprende prove libere, qualifiche e gara per tutti e 6 i Round in calendario.
    Qui sotto il calendario delle gare.

    Round 1: 25-26 aprile – Misano World Circuit “Marco Simoncelli”
    Round 2: 23-24 maggio – Autodromo Enzo e Dino Ferrari Imola
    Round 3: 20 giugno – Mugello Circuit
    Round 4: 21 giugno – Mugello Circuit
    Round 5: 25-26 luglio – Misano World Circuit “Marco Simoncelli”
    Round 6: 3-4 ottobre – Autodromo Vallelunga “Piero Taruffi”

  • #16182

    Mastic
    Amministratore del forum

    Ho sentimenti contrastanti.
    Visto che c’ero, ricordo il vecchio campionato femminile (no, non ci correvo, spiritosoni).
    Era nato in maniera un po’ arrembante, ma poi era diventato competitivo. E c’erano molte ragazze veramente velocissime. Oggi è rimasta Letizia Marchetti.
    Allora dicevo che non era bello un campionato femminile, perché le donne andavano tanto forte che meritavano di stare con gli uomini.
    Oggi storco un po’ il naso perché le fanno correre con la 300, come se non fossero capaci di correre anche in Superbike.

    Però forse è una giusta via di mezzo. Un campionato 300 per iniziare, un campionato abbastanza protetto, dove possano correre anche quelle alle prime armi e più pippe. Poi, per quelle brave brave, si schiuderanno le porte dei campionati tradizionali. Si, potrebbe essere una scelta giusta.

    • #16183

      zio franco
      Partecipante

      Infatti,ho lo stesso approccio avendo seguito da vicino tutto il campionato dei primi anni

      http://motocicliste.net/campionato/default.asp

      Campionato messo insieme dalla brava Furlan e da cui uscirono in qualche modo pilote interessanti che per un motivo od un altro poi hanno preso strade anche importanti mentre altre sopratutto per motivi economici,abbiamo perso
      Alcuni nomi li conosciamo bene,la Polita su tutte,la Cazzola,la De Nardi,la stessa Marchetti che giustamente e con merito riversa le sue conoscenze per fare scuola guida

      Anche io predicavo il salto nei campionati senza distinzione di genere,poi ho riconsiderato una zona franca dove far emergere e temprare anche i caratteri ma sopratutto le possibilità delle più determinate

      Un trampolino di lancio in uno sport dove la prestanza fisica ancora può fare la differenza,forse l’inizio da categorie più leggere potrà invogliare un sottobosco che c’è ma fatica ad emergere

      Quella che seguivo io era Sarah,adesso è in Australia e gira ancora il gas

  • #16394

    giannic
    Partecipante

    Qualcuno mi spieghi lo svantaggio di essere donna nelle corse.
    Cioe’, semmai non dovrebbero esserci maschi nei campionati ..visto che siamo piu grossi/pesanti, piu tendenti all’incazzatura e probabilmente sudiamo molto di piu’nella tuta 🙂

    E’solo culturale, i campionati femminili serviranno a colmanre il divario in quel senso. Ben vengano.

    • Questa risposta è stata modificata 2 giorni, 2 ore fa da  giannic.
    • #16396

      zio franco
      Partecipante

      Qualcuno mi spieghi lo svantaggio di essere donna nelle corse.

      La forza nelle braccia sopratutto nelle categorie più grosse
      Se ci fate caso,anche con la Carrasco ad esempio,o anche la Marchetti che fa palestra,nelle staccate non c’è partita,staccano tanto prima e più a lungo,e proprio adesso che spigolare è la norma,ferma-gira-gas,perdono tanti metri.

      Poi c’è l’opportunità,che alle donne viene spesso negata,inizialmente dai genitori,poi mariti per finire ai manager a cui non manca certo la materia prima tra i ragazzi,mentre tra le ragazze trovarne una competitiva è un miracolo

      Infine la cultura come dici,la consuetudine,il luogo comune che vuole solo i maschiacci

      Nel team di firenze che fa il CIV è balenata l’idea di ingaggiare una ragazza,naturalmente se paga…è così

      E sarà sempre così guardandosi intorno anche nei paesi più avanzati,non mi faccio più illusioni

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

Vai alla barra degli strumenti